Juniores: PAGELLONI di FINE CAMPIONATO!

Buono il campionato della nostra Juniores: ecco un pò di statistiche alla mano.

- 42 punti su 66, 22 all'andata e 20 al ritorno.
- 55 gol fatti e 44 subiti (30/26 all'andata, 25/18 al ritorno).
- 13 partite vinte (7 in casa, 6 fuori)
- 3 pareggi (2 in casa, 1 fuori)
- 6 sconfitte (2 in casa, 4 fuori)

CLASSIFICA MARCATORI:

OSTI - 14 reti (solo all'andata in 7 partite!)
BOSETTI - 8 (5 all'andata + 3 al ritorno)
BOGDAN BIDIAN - 6 (3+3)
BOGDAN HAPAU - 4 (1+3)
MARTORELLI - 4 (solo al ritorno!)
LAKI - 3 (2+1)
OMAR, RIZZO, FRANZ - 2
MUZA, WALDNER, MERLO, PEZZE', NICOLA - 1

PAGELLONI:

FRANZ (1890 minuti giocati/1890): ottimo campionato, ma soffre i continui cambi di compagni in difesa, che non restano mai gli stessi per più di 2 partite. Non salta un solo minuto - anche per casi fortunosi vedi Lavis - e segna anche 2 gol di testa, che fino all'anno scorso era il suo punto debole. TESTARDO. Voto: 8.

RIZZO (1833): una diga in mezzo. Dove c'è lui non si passa, recupera mille palloni, corre per tutti gli altri e non molla mai. Se ci aggiungiamo le 2 perle contro Solteri e Anaune, ne esce un giocatore perfetto, degno capitano per tutto il ritorno. Se manca in mezzo è la fine: i suoi recuperi in difesa sono leggenda. "RINGHIO" DAI PIEDI BUONI. Voto: 8+

PICCIU (1692): un cascatore nato (eheh!), è sempre uno degli ultimi a tenere duro. Svolge il suo compito ottimamente: parte maluccio da ala, e diventa poi un difensore super, all'occorrenza anche un centrale coi fiocchi. Un difensore tecnico, preciso ma anche rude quando serve. SIMULATORE. Voto: 8-

LAKI (1667): La sfida vinta da Mister Costa. Quando manca in mezzo, si sente. Le sue incornate di testa sono indispensabili, non perde un contrasto, sradicargli la palla è quasi impossibile. Pecca un pò di autocontrollo e spesso rischia qualche scazzottata, ma i 3 gol segnati lo mettono in pari. LOTTATORE. Voto: 8

BOGDAN HAPAU (1655): 4 gol per lui. Un'andata non ai suoi livelli, un ritorno in crescendo. Gran bei piedi, ma spesso si impunta e non vuole sostenerli con la corsa. Quando invece si mette a servizio della squadra diventa un'esterno micidiale, una vera spina nel fianco delle difese avversarie. 7 MERAVIGLIE. Voto: 7,5

SAMOEL (1440): metà andata, e tutto il ritorno. Un gran bel portiere formato tascabile, vola come i numeri 1 di Holly&Benji da un palo all'altro, e para l'imparabile. Poi ogni tanto gli scappa il "gollonzo" e allora torna sulla Terra: se migliora nelle uscite, diventa insuperabile. SARACINESCA. Voto: 7/8

BOSETTI (1363): per lui giocare a calcio è solo un passatempo. Ma se ci dedicasse più impegno e migliorasse l'uno contro uno, allora non ce ne sarebbe per nessuno. Un siluro al posto dei piedi (8 gol), uno scatto bruciante, stacco di testa e tempismo perfetti. Cosa chiedere di più? Ha ancora un anno intero per crescere, ci si aspetta solo il salto di qualità. TALENTO. Voto: 7+

NICOLA (1218): un' andata da protagonista, un ritorno con poche presenze, 1 gol su rigore e 2 rossi. In mezzo tante belle cose (tanta grinta, rabbia e impegno durante le partite) e altre meno (poca voglia di allenarsi e qualche cartellino di troppo). Il lavoro gli impedisce di tenersi in forma regolarmente, cosa che purtroppo non gli permette di rendere come un tempo. Tornerà quello di una volta? MISTER X. Voto: 7 (media tra 8,5 dell'andata e 5,5 del ritorno)

BOGDAN BIDIAN (1081): metà andata (ma con 3 gol!) e un ritorno quasi da titolare inamovibile (con altri 3). Un gioiello da continuare a rimirare: quando tocca il pallone sembra che danzi. I suoi gol sono quasi sempre capolavori di balistica e precisione. La classe e la personalità con cui si muove non permettono di distinguere questo '94 dagli altri '89, anzi, ne mettono ancor più in luce la sua bravura. Il futuro della Juniores. CAMPIONE. Voto: 8,5

OMAR (995): e qui giungono le note dolenti. Sembrava ormai un giocatore recuperato, e invece c'è cascato di nuovo: dopo una buona andata (2 gol) è arrivato un ritorno condito da prestazioni non esaltanti, qualche parola di troppo e troppi litigi con arbitri e mister. Speriamo che possa tornare con la testa di inizio anno. GENIO E SREGOLATEZZA. Voto: 6,5

FABIO (970): all'andata poco presente, al ritorno invece torna alla ribalta. Le ultime partite sono anzi su livelli altissimi: tanta corsa, tanti cross, tante palle recuperate. Zero gol purtroppo, ma in mezzo fiato e scarificio da vendere: se migliora un poco nei colpi di testa, diventa un esterno-caccia. FRECCIAROSSA. Voto: 7+

MERLO (923): un gol per lui forse nel suo periodo migliore. Poi il rosso, e tutto da capo: ogni volta che trova il suo equilibrio spreca tutto. Peccato, perchè trovare giocatori con la sua voglia e il suo entusiasmo è dura. Se mette un pò la testa a posto, chissà che non torni utile l'anno prossimo. TAMBURELLISTA. Voto: 6/7

PISU (836): un difensorone. Accidenti, quando si mette non passa nessuno eh! Se trova il tempismo giusto negli interventi diventa un muro. Le qualità le ha: grinta, dedizione, voglia, colpo di testa e anticipo. Deve solo decidersi ad usarle! ARMADIO. Voto: 7+

PIPPO (685): tutta l'andata più o meno presente, poi il vuoto dovuto allo stage e ad un infortunio. I piedi li ha, la corsa anche, la grinta non manca: serve forse un fisico con il quale duellare alla pari. STUZZICADENTI. Voto: 6+

OSTI (588): IL BOMBER per eccellenza. Un gol ogni 45 minuti neanche (14 reti in 7 partite): ogni pallone che tocca diventa oro. Segna in tutti i modi, porta palla, guadagna falli, offre sponde. Sembra il preludio ad un grande ritorno, e invece il passaggio al Cembra. Peccato, abbandonare una squadra così dove poteva avere tutti i palloni desiderabili dev'esser stata una scelta difficile. Con lui ci si poteva tranquillamente giocare il titolo. TRADITORE. Voto: 9

GIORGIO (415): Credo la persona più scomposta che abbia mai visto. Salta in modi incredibili per guadagnare palla, eppure ci riesce. Se la dà via un poco prima e si decide ad usare la testa (anzichè tacchi, spalle o ginocchia) può diventare un gran difensore. GNOCCHETTO SARDO. Voto: 6,5

PEZZE' (360): Se è in giornata, fa macelli (come contro il Lavis, dove ha segnato anche un gran gol). Altrimenti, passeggia a vuoto per il campo. Paga l'inesperienza, e si vede che deve adattarsi a correre per tutto il centrocampo. Con qualche partita in più nelle gambe, e convinzione nella testa, può fare bene. ROCKETTARO. Voto: 6+

MARTORELLI (285): Una media gol invidiabile (una rete ogni 70 minuti circa), 4 gol in saccoccia e tanta corsa e spirito di sacrificio. L'attaccante del futuro: ha tutte le carte per diventare un vero bomber, se evita meglio i fuorigioco. PIPPO INZAGHI. Voto: 7

MUZA (180) e WALDNER (125): il gol ce l'hanno nel sangue, e si vede (un gol per uno). Però per infortunio uno, e per scelte propria e della società l'altro, non riescono ad offrire un contributo sufficiente alla causa. SPUNTATI. Voto: 6

DAURIZ (133): il nuovo che avanza. Un giocatore tutto grinta e potenza, un mix eccezionale che gli permette di giocare splendidamente sia in difesa che a centrocampo. Sarà l'ossatura della nuova Juniores. BESTIA. Voto: 7-

ELIA (87): anche lui un giocatore interessante, tempismo perfetto e grandi doti, farà di sicuro molto bene. ELIOT. Voto: 6/7

ROSSI (66): una presenza costante. Portiere, portapalloni, vice, dirigente, attaccante. Le ha viste tutte quest'anno, portando sempre risate durante gli allenamenti e sdrammatizzando le situazioni con qualche pallonata tra le grazie! "POIAT": voto 6,5

TRENTI (100), COLO (45), RASCHILLA' (25), CLAUDIO (20), MARIAN (15), ODORIZZI (13) e MICHELE ROSSI (5): chi più, chi meno, hanno tutti contribuito a questa stagione ed a fornirci i ricambi necessari. Un grazie anche a loro. NECESSITA'. Voto: 6

MISTER COSTA: due anni assieme, due secondi posti. Una figura sempre buona e tranquilla, che purtroppo ha dovuto adeguarsi con chi c'era. Non si sarà creato il gruppo folto e solido che si sperava, ma ci si è divertiti e si son viste cose molto buone. GRAZIE da tutti noi.

VICE FRIZZ: in versione guardalinee è il massimo, ma da giocatore durante gli allenamenti è anche meglio. Indispensabile per liste e scartoffie varie, ci crede fino all'ultimo e la sua speranza viene ricambiata con un ottimo secondo posto. GRAZIE.

SOCIETA': purtroppo qui i voti sono bassi. Buttare via un campionato che si poteva vincere, cedendo Osti e non rimpiazzandolo con nessun altro (e fortuna che Corrado aveva portato Laki!), permettere situazioni e comportamenti scorretti senza intervenire, e non imporsi con alcuni giocatori per aiutare la Juniores (visto che la Prima Squadra era fuori dai giochi già a fine andata) penso che siano colpe e errori imperdonabili. PECCATO. Voto: 4

Grazie inoltre a tutto lo staff, il pubblico e i genitori sempre presenti. Vi aspettiamo anche l'anno prossimo, sperando di migliorare ancora. E ora, spazio ai vostri commenti!

5 commenti:

Anonimo ha detto...

grazie per il 9 :) è stato un piacere giocare con voi

Anonimo ha detto...

ottimo lavoro Franz, complimenti davvero e ora cerca di dedicare anche le tue risorse calcistiche alla tua maturità; ciao e in bocca al lupo! papi.

mattiafrizzera ha detto...

Franz hai talento giornalistico, coltivalo!
dici che è meglio che torni a fare l'assistente?
É stata un'esperienza emozionante, mi sarebbe piaciuto fare "più squadra". Spiego meglio.
Due stagioni sempre in corsa per i primi posti speravo spingessero tutti ad un maggiore "sentire comune", con una presenza più costante agli allenamenti. Tante formazioni diverse, con l'impossibilità di provarle in allenamento, ci hanno reso molto vulnerabili sia nel gioco di difesa che in quello d'attacco.
il secondo posto è la perfetta dimostrazione che questa squadra di potenziale ne avrebbe da vendere.
volevo dire grazie in particolare a Pezzè e Rossi, costanti nella presenza e nell'impegno, poco impiegati sul campo. hanno saputo "fare squadra" facendo cose importanti (vedi il "gollonzo" del lavisano Pezzè al Lavis).
Rizzo è un Albertini, un metronomo del centrocampo, mi spiace aver pareggiato contro i Solteri perchè aveva fatto veramente un golaço.
capitolo CENTRAVANTI: dopo la sfiga dell'infortunio di Muza è arrivato Osti, ma era logico che si trattava di una soluzione provvisoria. Lasciar andare un goleador così vuol dire castrarsi, ma più che per la juniores (che è pur sempre la "seconda squadra") per la Prima.
E qui veniamo agli aspetti tecnici archiviabili sotto la categoria "società". Ragionando sul significato, società a mio parere per Fc Adige vuol dire: dirigenti, giocatori, genitori, amici, comunità (i due paesi).
Ciascuno mette del proprio tempo (tanto nel caso di Mariano) per la causa.
Un cambio di marcia lo darebbe a mio parere il chiamare un direttore tecnico, una persona esterna con esperienza in categorie maggiori (pagandola cercando di non svenarsi, la fine del regime a Nave San Rocco aiuterà spero nel risparmio dei costi), che coordini e dia un progetto sportivo a tutta la struttura, in termini di pianificazione e programmazione. Questo per evitare scene spiacevoli del tipo "quel giocatore non te lo do", eccecc e anche per dare una linea comportamentale alla squadra.
non sono per le regole alla regime prussiano, ma per principi condivisi da gentiluomini e persone che hanno raggiunto l'età della ragione.
non mi do spiegazione nè a Omar che se ne frega di saltare la partita col Lavis, nè a Roberto, che si è fatto buttar fuori 4 volte in maniera futile (a mia memoria) dalla panchina in una stagione. Che figura di merda facciamo come società, cioè come tutti noi?

Anonimo ha detto...

ma le altre categorie?????

franzbona ha detto...

Frizz sul discorso della società condivido. Anonimo, dai dirigenti/accompagnatori/tifosi delle altre categorie finora non ho avuto niente, quindi non posso commentare nè giudicare cosa che non ho visto.. Comunque, a giorni esce il comunicato e quindi posterò risultati e classifiche di fine anno..

Posta un commento